indivia scarola biodinamica

Endivia scarola biodinamica

Poche calorie e moltissime fibre, la scarola è un ingrediente culinario da avere sempre a portata di mano. Deliziosa lessata e saltata in padella, entra di diritto nella tradizione culinaria delle festività natalizie.

Descrizione prodotto

  • Periodo di raccolta

    ottobre-aprile

  • Prodotto confezionato

    6-12 pezzi/cassa

0 mg Ricco di Potassio
per 100 g
0 IU Ricco di Vitamina A
per 100 g
0 mg Ricco di Vitamina C
per 100 g

Come la sua “sorella” endivia riccia, l’endivia scarola (Chicorium endivia latifolium) è una varietà di ortaggio appartenente alla famiglia delle Composite o Asteracee. A sua volta la scarola può suddividersi in differenti sotto-varietà come la Gigante degli Ortolani, la Dilusia, la Bionda a Cuore Pieno e la Cornetto di Bordeaux.

L’endivia scarola si distingue per il sapore leggermente amarognolo delle sue foglie, anche se meno amaro dell’endivia riccia. La sua consistenza è croccante ed è una verdura leggera e molto rinfrescante.

L’endivia scarola, anche nella sua varietà endivia scarola biodinamica, è un ortaggio con un contenuto calorico davvero molto ridotto. Ci sono solamente 11 calorie in 100 grammi di prodotto, con una presenza di acqua vicina al 97%. Si tratta quindi di un alimento adatto per le diete ipocaloriche e rimineralizzanti, grazie alla presenza di sali minerali come calcio, sodio, fosforo, potassio e magnesio. Tra le vitamine, invece, troviamo retinolo (vitamina A) e molte vitamine del gruppo B, tra le quali tiamina, riboflavina e acido folico. A questo si aggiunge la presenza di vitamina C e K.

L’endivia scarola biodinamica ha un contenuto di vitamina a particolarmente significativo. Riesce, quindi, a veicolare i benefici che questa vitamina porta con sé: la vitamina A, come è noto, aiuta nel mantenimento di una pelle sana, ma è anche fondamentale per la cura degli occhi e per una buona visione notturna. La presenza di vitamina C, invece, contribuisce al rafforzamento del sistema immunitario, prevenendo l’insorgenza di malattie batteriche o virali, aumentando l’aggressività dei globuli bianchi. La vitamina K, infine, aiuta la normale coagulazione del sangue e, insieme al calcio, rafforza lo scheletro e previene fratture ossee. La scarola contiene anche fibre tenere come cellulosa e emicellulosa, che sono le artefici della consistenza croccante delle sue foglie.

In molte tradizioni culinarie regionali della penisola italiana, la scarola è uno dei piatti tipici della vigilia di Natale. Quale contorno migliore, infatti, per accompagnare il celeberrimo baccalà fritto del 24 dicembre se non un bel piatto di scarola stufata?

L’endivia scarola è un ingrediente spesso presente durante l’inverno, grazie alla semplicità con la quale vi si possono preparare deliziosi contorni per la cena o succulente insalate per il pranzo. Tipica è la scarola saltata con alici sott’olio, olive nere e capperi (e anche un pizzico di peperoncino) che possiamo utilizzare per condire dei primi piatti, o per fare da contorno a piatti di carne, pesce o formaggi, ma anche da mettere sulle bruschette o per farcire deliziose focacce.
Con la scarola possiamo realizzare caratteristiche polpette di verdure o preparare la famosa scarola imbottita, piatto che può essere servito come contorno o direttamente come secondo, ripiena di pan grattato, olive nere, pinoli e capperi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Endivia scarola biodinamica”